Tra Valenza e il Monferrato…..

Dopo aver passato una piacevole mattinata ad Alessandria, ci spostiamo sul Monferrato per poi tornare a Valenza dove abita la mia amica S.Y.

Ci fermiamo ad un centro commerciale ( La cittadella di Casale) per mangiare, e prendiamo un buonissimo yougurt bianco con pezzi di cioccolato alla menta.

Yougurteria la cittadella di Casale

1013842_709117462473837_836329859_n[1]

Per riposarci un pò ci fermiamo in un divanetto del centro e io mi metto a parlare con tre simpaticissimi signori della zona; chiedo loro di raccontarmi delle storie, delle dicerie, qualcosa di interessante sulle loro città e loro ironicamente rispondono che dicerie di paese ne hanno molte da raccontare, ma nulla che possa interessare ai lettori del mio blog.

Passiamo allora alla cultura gastronomica del luogo, i signori ci raccontano il tutto in dialetto piemontese; dicono che sui colli del Monferrato agriturismi e ristoranti sono alla portata di tutti, ne troviamo tantissimi, a bassi prezzi e con piatti che non ci deluderanno.

Per raggiungere i colli è assolutamente necessario munirsi di mezzi propri.

I prodotti tipici del luogo sono molti: vini, selvaggina, salami, polenta, biscotti.

La cucina del Monferrato è costituita da piatti prevalentemente poveri, ma con una ricca varietà.

Questi posti fantastici tra castelli, villaggi antichi, scenari paesaggistici da favola ci regalano i migliori vigneti padri dei migliori vini: Barbera del Monferrato, Grignolino del Monferrato Casalese, Monferrato Freisa, Monferrato rosso e bianco, Monferrato Casalese Cortese, Malvasia di Casorzo, Rubino di Cantavenna http://www.enotecadelmonferrato.it/_old/vini%20noframe.html.

Un piatto tipico del luogo è il fritto misto ( i signori puntualizzano) non di pesce, ma di carne, esso è composto da: cervello, animella, fegato, semolino, salsiccia,funghi.

Famose sono le torte salate, i risotti tipici di Casale al vino e ai funghi, la polenta con il merluzzo, i fiori di zucchina ripieni. E per completare ci sono dei dolci buonissimi: bunet con l’amaretto, pesche al forno con ripieno di amaretti, le torte di castagne, lo zabaione al Moscato o al Barbera, le pere cotte con il vino.

Pensate a noi che abbiamo pranzato con uno yougurt , quanta fame ci è venuta a sentire di questa cucina così’ saporita.

Dalla cucina alla storia è così che i nostri amici ci raccontano del passaggio di Napoleone in quei posti.

Si racconta infatti che tra i comuni di Bosco Marengo e Spinetto Marengo, durante la guerra d’indipendenza si fermò Napoleone a fare un sonnellino, coccolato dall’aria fresca e il bel verde dei colli del Monferrato. Chissà se ai tempi anche lui si fermo’ a mangiare uno di questi piatti deliziosi.

Io e la mia amica siamo curiose di visitare i paesi, per tale ragione salutiamo gli allegri signori e chiediamo i loro nomi, essi diffidenti ci forniscono le iniziali, allora arrivederci e grazie P.e P.

In compagnia della nostra Smart ci dirigiamo verso Casale Monferrato.

Sulla nostra sinistra ci ritroviamo a Valmadonna e la sua chiesa.

1925076_709117585807158_2044191518_n[1]

Il paesino è famoso per la presenza di uno dei negozi di abiti da sposa più caro d’Italia.

Casale ( Casal in dialetto piemontese) si trova ai piedi del Monferrato , a pochissima distanza da Vercelli, Alessadria, Asti e Novara.

Famosi in tutto il mondo sono i Krumini rossi di Casale.

La leggenda vuole che l’Italia era unita da pochi anni e ancora non si erano spenti gli echi del risorgimento.Una notte, dopo una serata al caffè con gli amici, Domenico Rossi invitò tutti nel suo laboratorio di pasticceria e lì, in una misteriosa alchimia fra ingredienti e magia, sfornò i primi Krumiri.

Nel 1878, come attestano i giornali dell’epoca, i Krumiri, quelli originali, sono già una golosa realtà dell’arte pasticceria italiana.

I krumiri

imagesCA26P8CR

Dispiace citarlo per tale ragione, ma la città di Casale è anche conosciuta per la presenza in passato del più grande stabilimento di Eternit, e lo scandalo di dispersione dle materiale cancerogeno nell’aria. Attualmente la zona è  in bonifica

Casale Monferrato è attraversato dal PO e due torrenti minori: il Lanza e il Mellana.

imagesCA1IBNRE imagesCAEYSKUI imagesCALNSZXF

Salvatore Monferrato

1966935_709117999140450_1576926353_n[1]1920498_709117909140459_1316207876_n[1]                                     1979512_709117765807140_340121035_n[1]

Percorrere i colli ci dona un benessere indescrivibile, accompagnati da questa canzone: http://www.canzoniweb.com/katy-perry-unconditionally-video-ufficiale-nuovo-singolo/.

Andiamo a visitare il Monte Valenza. Entriamo in un’oasi di pace con animali, tanto verde, fontane di acqua termale, piscine

Nella piccola riserva naturale troviamo:

dolcissime ed elegantissime cerbiatte ( il mio animale preferito), pappagalli, pecore, poni, cavalli, oche, cigni, gufi e civette.

1546205_709117609140489_1699777217_n[1]

1959490_709117762473807_2082937906_n[1]

Si è messa in posa per noi.

Questa era identica all’oca di Fantaghirò, celebre miniserie del 1991 diretta da Umberto Bava ispirata alla favola

Fanta-Ghirò di Italo Calvino.

10007458_709117682473815_498073723_n[1]

Fonte di acqua termale; proviamo a bere, il sapore rende quest’acqua salutare improponibile.

1098160_709117632473820_338514459_n[2]

Arriviamo finalmente a Valenza la città dell’oro https://nomadelandia.wordpress.com/wp-admin/post.php?post=113&action=ediValenza è considerata la capitale internazionale delle gioiellerie; qui infatti si concentra la maggior commercializzazione nel settore orafo.

Basta fare una passeggiata per le vie della città e vi renderete conto di tutto quello sopra descritto.

260px-Valenza-piazza_del_duomo[1]

Villa Pastore Valenza

villa1[1] villa2[1]

Questa villa è stata edificata nel 1800, la villa presenta un laghetto asciutto e un obelisco commemorativo della piccola figlia morta di tubercolosi. La cosa che più sconcerta di Villa Pastore  è la sensazione che si avverte quando ce la si trova davanti: tutte le persone che l’hanno visitata hanno avvertito una sensazione di malessere e ansia.

Quel fastidio scompare davanti l’obelisco. Gli amanti dell’occultismo credono che gli spiriti del male all’interno dello spirito della villa vicino l’obelisco vengono scacciati dallo spirito buono della figlia.

Chissà a cosa siano dovute queste voci.

A noi è venuta fame passiamo dal panificio DAL PASSO il più famoso della città di Valenza, dove fanno delle pizzette buonissime.

La serata si conclude quindi con una buonissima cena.

In una sola giornata abbiamo visitato Alessandria, il Monferrato e Valenza, la giornata è stata intensa, ma ne è valsa la pena.

Buona serata! Marika

Un pensiero su “Tra Valenza e il Monferrato…..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...